ITA  ENG
Percorsi Archeologia & Natura
Cene  d’epoca Eventi oltre il Festival
Incontri & Dibattiti
Scopri i premi del Festival Laboratori didattici
Agorà
Magna Grecia  Nell’VIII sec. a.C. gli antichi Greci, spinti dalla carestia e da tensioni sociali  dovute ad un considerevole incremento della popolazione, iniziarono  l’espansione verso Oriente, nel Mar Nero, e, verso Occidente, nel Mar  Mediterraneo, innescando così quel fenomeno migratorio conosciuto come  colonizzazione greca”. Etnie di popoli greci, tra cui Dori, Ioni ed Achei,  approdarono nei territori dell’Italia Meridionale - nelle odierne regioni  Basilicata, Calabria, Campania e Puglia - costruendo un vastissimo impero  coloniale, meglio noto come Magna Grecia (Megàle Hellàs).   Giunti sulle coste della Penisola Italica, i Greci fondarono diverse poleis  (città-stato), completamente autonome ed indipendenti dalla madrepatria,  tra cui Sibari, Crotone e Locri, le quali ben presto diedero vita a sub-colonie  per garantirsi un’ulteriore espansione territoriale ed un ampliamento dei traffici  e delle rotte commerciali. Secondo la tradizione mitologica, la località in cui  stabilirsi era individuata in base alle indicazioni fornite dall’Oracolo del  Santuario di Apollo a Delfi. L’Oracolo veniva generalmente consultato dal  cosiddetto ecista, ovvero colui che era stato posto a capo della spedizione  colonizzatrice. Per i discendenti dei coloni greci, questo fu un periodo di massima ricchezza  economica, a cui s’aggiunse lo splendore in campo culturale ed artistico, con  il fiorire dell’arte, della scienza e della filosofia. Sebbene l’espressione Magna  Grecia sia attestata per la prima volta soltanto nel II secolo a.C. in un passo  dello storico greco Polibio, si presume che la genesi del concetto sia  avvenuta già nel VI secolo a.C. ad opera delle stesse colonie, al fine di  dimostrare la loro grandezza politica, economica, culturale ed artistica   nei confronti della madrepatria.  Le lotte di potere e di supremazia tra le poleis magno-greche portò  lentamente all’indebolimento delle fiorenti città, costrette a subire gli attacchi  dei Bruzi, popolo italico di stirpe indeuropea, tra il IV e il III secolo a. C. I ribelli  Italici si coalizzarono nella Confederatio Brvttiorvm, coniando la propria  moneta ed eleggendo Consentia come capitale. Alleati del Re Pirro di Epiro,  di Annibale e di Spartaco nelle diverse guerre contro i Romani, vengono  successivamente sottomessi dal dominio di Roma, segnando così il  passaggio della latinizzazione delle colonie.  
LOCATION
HOME STAFF LOCATION PROGRAMMA PARTNER&SPONSOR STAMPA GALLERY CONTATTI Partner Istituzionali  info@festivalsibaritide.it      +39 327.7412854