ITA  ENG
Percorsi Archeologia & Natura
Cene  d’epoca Eventi oltre il Festival Incontri & Dibattiti Scopri i premi del Festival Laboratori didattici
Sibari La polis (città-stato) di Sibari fu fondata intorno al 720 a.C. dagli Achei,  antichi greci provenienti dal Peloponneso, nella vallata tra i due fiumi Crathis e  Sybaris (gli odierni Crati e Coscile) sul mar Ionio. La favorevole collocazione  naturale e la fertilità della pianura sibarita, lambita a Nord dal massiccio del  Pollino e a Sud dall'altopiano della Sila, fecero sì che questa colonia diventasse  in breve tempo ricca e potente, fino ad acquisire un ruolo egemonico nella  Magna-Grecia.  Sibari si estendeva per una superficie complessiva di cinquanta stadi,  equivalenti a circa cinquecento ettari. I coloni sibariti furono capaci di rendere  produttiva un' area favorevole sia dal punto di vista agricolo e ricca di risorse  naturali. Riuscirono a sfruttare il legname delle foreste e la copiosa vegetazione,  così come le miniere d'argento e di altri metalli. La città era dotata anche di un  porto fluviale, collocato in una posizione strategica, che condusse ad un rapido  e significativo sviluppo degli scambi commerciali. Emblema della potente  colonia divennero le caratteristiche monete d’argento con il simbolo del toro  retrospiciente, scambiate e comunemente accettate come monete ufficiali in un  vasto ambito territoriale.  La storia della città di Sibari, dalla sua fondazione alla sua caduta, copre un  arco cronologico di circa duecento anni. Sibari conquistò numerosi territori,  fondò importanti città, tra cui la colonia di Poseidonia (Paestum), acquisendo  ben presto una posizione predominante nella Magna Grecia. Tuttavia,  intorno al 510 a.C. venne sconfitta e distrutta da Crotone, la polis antagonista. A  Sibari fece seguito la fondazione nel 44/3 a.C. della colonia panellenica di Thurii  e, successivamente, della colonia latina di Copia, istituita nel 194 a.C. e abitata  fino al VI sec. d.C.  Attualmente, Sibari è un piccolo centro abitato dell’Alto Ionio in Provincia di  Cosenza. Di elevato interesse storico-culturale sono i siti del Parco  Archeologico di Sibari e il Museo Nazionale Archeologico della  Sibaritide.  
Agorà HOME STAFF LOCATION PROGRAMMA PARTNER&SPONSOR STAMPA GALLERY CONTATTI Partner Istituzionali  info@festivalsibaritide.it      +39 327.7412854